Rassegne

Storie di Burattini e Burattinai 

 

Rassegna di burattini tradizionali

Il progetto consiste nel portarel'antica arte del burattinaio nei comuni e frazioni della Lombardia. Allestendo il teatro dei burattini (la "baracca") nelle piazze -che si trasformeranno in arene per l'occasione- i burattinai racconteranno le loro storie e il pubblico riscoprirà il divertimento ed il sapore di un tempo.
Le tipologie di spettacolo che propongo sono: commedie scritte recentemente mantenendo lo stile tradizionale oppure opere tratte da vecchi canovacci -che ancor oggi sono patrimonio indiscusso della tradizione orale del Nord Italia.
Durante la rassegna potrete vedere due tradizioni burattinaie: la bresciana con la maschera di "GIOPPINO" e la mantovana con la maschera di "FAGIOLINO".
I Burattini di Giacomo Onofrio sono un filone importanti della tradizione familiare italiana che da padre in figlio si tramandano da molto tempo l'arte e il mestiere del burattinaio: di fatti la famiglia Onofrio è citata su "L'Enciclopedia Bresciana", nel "El Lunare de Brescia" ed il "Libro dei mestieri dimenticati di Brescia" nonchè in una sezione speciale nel Rais, il centro-museo di Palazzo Cigola-Martinoni a Cigole.

LA DURATA DI OGNI SPETTACOLO SPAZIA FRA I 60-70 MINUTI.

p004_1_01
p004_1_00 Come ci si divertiva un tempo

Rassegna di burattini tradizionali per riscoprire le tradizioni e il dialetto

 

Il progetto consiste nel portare nei comuni il Teatro della tradizione burattinaia bresciana per una settimana.
Per far riscoprire come si muovevano nella nostra provincia i burattinai nel primo dopoguerra, arrivavano nelle piazze dei paesi con il loro teatro e l’abitazione “carovana” rimanendo nello stesso luogo per vario tempo, proponendo spettacoli serali.
Gli spettacoli si terranno all’interno di un teatro arena di mia proprietà con 140 posti a sedere.
Il numero di spettacoli che si propone di portare in scena ogni settimana è di quattro o cinque, diversi tra loro per titolo e trama, ma sempre di burattini che parlano una lingua contaminata dal dialetto bresciano, usando sempre la tradizionale maschera di “GIOPPINO”. L’identificazione del pubblico nel personaggio di Gioppino è immediata e una volta riconosciuto il linguaggio colorito e folcloristico del simpatico protagonista, partecipano attivamente nelle storie raccontate.
Nelle serate proponiamo commedie scritte da mia sorella, con un dialetto addolcito per renderlo comprensibile ai bambini e commedie scritte da mio nonno usando un dialetto più stretto.

 

LA DURATA DI OGNI SPETTACOLO SPAZIA FRA I 60-70 MINUTI.

 

La pubblicità sarà effettuata con locandine, cartelloni e sonora, mantenendo lo stile di un tempo passato.